Villa Gervasio

27 Giugno 2019

Nessun commento

Scarpe da sposa, tutti i consigli per scegliere il modello perfetto

La data e il ricevimento sono ormai decisi e finalmente si può procedere con una delle parti più divertenti dell’organizzazione di un matrimonio: il look della sposa. Oltre all’abito, le scarpe da sposa sono l’accessorio che ti permetterà di personalizzare il tuo look. Puoi scegliere ogni forma o altezza, con il tacco o modelli flat, con o senza zeppa, modelli retrò o ballerine fino ai sandali di raso, con o senza plateau. Non mancano le scelte meno convenzionali come le zeppe, le infradito o le sneakers.

Partiamo dalla tradizione, la scarpa bianca per eccellenza che si “deve” abbinare allo stile e ai tessuti dell’abito da sposa: a punta o tonda, con il tacco medio, la décolleté con tacco a stiletto in seta può essere reinventata con inserti in pizzo, con un romantico fiocco o con strass e applicazioni.

Non solo bianco, le scarpe da sposa colorate conquistano la scena per la loro versatilità e per la possibilità di abbinarle ai colori tema delle nozze. I colori spaziano dai classici bianchi ai grigi, rosa e rossi fino ad arrivare all’argento e all’oro, di grande tendenza in quando rappresentano un’alternativa molto glam e meno convenzionale.

Nonostante per alcune sia davvero impensabile, c’è sempre un buon motivo per scegliere delle scarpe da sposa basse. Il primo tra tutti? Ovviamente la comodità: un tacco basso è perfetto per ballare tutta la notte senza dover rinunciare allo stile, perchè quest’anno più che mai le flat shoes ci regalano grandi soddisfazioni. La tendenza in fatto di wedding shoes per fortuna viene incontro alle spose meno equilibriste che dei tacchi, almeno il giorno delle nozze, ne farebbero volentieri a meno. Dalle mules con microtacco ai sandali con tacco largo fino a quelli mini a stiletto: un tacco minimal, basso, è assolutamente una scelta elegante e permette di elevarsi di qualche centimetro senza mettere a dura prova la gamba. Ideali per i matrimoni sulla spiaggia o nei dintorni, i sandali gioiello farebbero brillare anche il più semplice degli abiti. Piattissime e in cuoio, le infradito modello positano sono l’opzione più comoda per tutte le spose che, se potessero, si sposerebbero scalze e vestite solo di fiori. Non di rado, invece, molte spose decidono di fare un cambio scarpe proprio all’inizio dei festeggiamenti sostituendo tacchi vertiginosi con sneakers in tela rigorosamente white.

Chi invece vuole che la giornata sia a tutti gli effetti eccezionale, non rinuncia a svettare accanto al neosposo in tacchi 13 o anche oltre. I tacchi alti sono il sogno di tantissime spose che sono abituate (o non) a indossarli anche nella loro quotidianità. Chi li porta solitamente, in genere, non rinuncia all’altezza e al fascino nel giorno del proprio matrimonio. I tacchi alti sono declinati in una grande varietà di modelli: tacchi a stiletto o a spillo, tacchi larghi, tacchi sostenuti dal plateau, tacchi sottilissimi, tacchi a cono. Queste varietà sono abbinate a loro volta a diversi colori e diversi tipi di scarpa, dal sandalo al modello open toe fino alla classica décolleté. Una buon compromesso tra estetica e comfort è il plateau, consigliatissimo per chi ama la comodità e la stabilità, dato che garantisce una certa elevazione fornendo un supporto adeguato per il piede.

Insomma, nel campo della scelta delle scarpe per il giorno più importante della propria vita non ci sono regole, se non una: essere se stesse e optare per il modello che rispecchia la propria personalità.