Villa Gervasio

09 Giugno 2019

Nessun commento

Villa Gervasio, la prima notte di nozze in una location da sogno

Avete trascorso tanti mesi ad organizzare i dettagli per la cerimonia e il ricevimento, dai particolari del banchetto all’intrattenimento per i più piccoli, la scelta dell’abito e delle bomboniere, ma quando la giornata volgerà al termine, arriverà il momento più atteso: la vostra prima notte di nozze.

La prima notte di nozze è intimità e benessere. Dopo la splendida festa con parenti e amici più cari, Villa Gervasio offre ai suoi sposi la possibilità di trascorrere la prima notte da marito e moglie nelle meravigliose suite del Boutique Hotel, dotate di ogni comfort e con una vista mozzafiato che racchiude in un’unica prospettiva il Golfo di Pozzuoli, Napoli, con il famoso profilo del Vesuvio, Bacoli, con il Castello Aragonese di Baia e la Casina Vanvitelliana. La scelta giusta per brindare all’inizio della vita insieme in un’atmosfera riservata e intima. L’atmosfera magica darà quel tocco di poesia in più alla vostra prima notte da marito e moglie: potrete finalmente rilassarvi dopo una lunga ed emozionante giornata che ha visto protagonisti voi e il vostro amore. Al vostro arrivo sarete coccolati da una bottiglia di spumante, fiori e candele e il personale della struttura cercherà di accontentarvi in ogni richiesta per rendere meraviglioso questo momento speciale. Colori, forme, spazi, profumi, luci, stile. A Villa Gervasio tutto è studiato per far vivere ai suoi ospiti dei momenti difficili da dimenticare. L’albergo, intimo e non convenzionale, è arricchito da due terrazze collegate alle suite e da un solarium che si apre al panorama mozzafiato. Al vostro risveglio, la favola continuerà: il sole che inonda gli angoli e gli ambienti di camere e suite, il rumore delle onde che si infrangono sugli scogli, i profumi della colazione con prodotti del territorio faranno da cornice alle vostre prime ore da sposi.

Come iniziare la vostra avventura da sposati? Varcando l’uscio della camera – o di casa – portando in braccio la moglie con l’abito da sposa. Che il marito porti in braccio la propria moglie per entrare in camera ormai è una tradizione quasi obbligatoria, a cui nessuno, o quasi, si sottrae; anche se si tratta di superstizione a cui non si credo, meglio non rischiare! Sembrerebbe che le origini di questa tradizione siano davvero antichissime e risalgono all’epoca romana, in cui si portava la sposa in braccio per salvarla da spiriti maligni che potevano annidarsi in casa.

La prima notte da marito e moglie è l’occasione giusta per creare qualcosa di speciale da condividere come coppia. Una volta arrivati nella suite inizia un’altra festa dove gli unici invitati siete voi. Il fotografo e gli ospiti non mancheranno di scattare foto e registrare video, ma quello che può rendere indimenticabile l’evento sono le emozioni che potete rivivere a distanza di anni. Per rendere ancora più memorabile questi momenti, create dei ricordi intimi scambiandovi per esempio bigliettini e lettere scritte a mano o piccoli regali, che suggellino in modo privato la vostra unione. Nel tempo diventeranno emozioni da ricordare, da guardare e rileggere assieme per rinnovare il sentimento che vi unisce.